28 Novembre 2021

Cassano All’Jonio, Francesco Garofalo: 118 sempre più emergenza.

“E’ sempre più emergenza al servzio 118. Persistono le gravissime carenze e si continua ad operare senza medico a bordo. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, è accaduto a Roseto Capo Spulico”. Lo afferma in una nota, Francesco Garofalo, portavoce del comitato spontaneo di cittadini per la difesa al diritto alla salute, di Cassano All’Ionio. E’ a rischio la salute pubblica e gli stessi operatori, ad operare in condizioni precarie e a sobbarcarsi oltre ai turni massacranti, anche di responsabilità. Le postazioni in tutta la Calabria – rimarca Garofalo -, nonostante le reiterate denunce, continuano ad operare senza medici a bordo. La Suem di Cosenza, a cui va tutta la nostra riconoscenza, viene costantemnte bombardata di richieste in codice rosso. Di fronte a questa drammatica vicenda – prosegue la nota -, non possiamo tacere su un diritto costituzionalmente garantito e contemplato nei livelli minini essenziali di assistenza. Intervenga il presidente Occhiuto per porre fine su questa vicenda, che si trascina oramai da troppo tempo, se non vogliamo fare la conta dei decessi. Come comitato – ha concluso Garofalo -, non ci stancheremo mai di ringraziare quanti operano nelle postazioni d’emergenza 118, che nonostante le gravissime carenze riescono ad assicurare un primo intervento. Ma siamo consapevoli, che questo non basta ad rassicurare i cittadini, che si trovano loro malgrado, a dover richiedere una adeguata assistenza a salvaguardia della propria vita e di loro familiari. Senza una riorganizzazione della rete dei 118 e, soprattutto, consentire ai medici di avere uno status giuridico diverso da quello attuale: da convenzionati a dipendenti della aziende sanitarie.

Cassano All’Ionio, 3 novembre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *