28 Novembre 2021

Cimitero a Sibari: c’è il sì delle minoranze.

Cimitero a Sibari: il sì delle minoranze
Ma dall’opposizione arriva la richiesta di chiarimenti sul crematorio
L’amministrazione comunale invitata a fornire ragguagli sulla questione

«L’idea di realizzare un cimitero a Sibari su terreni un tempo di proprietà di un boss di ‘ndrangheta è pienamente condivisa, pure perché già prospettata, anni fa, dalla nostra amministrazione. Ma sull’eventualità di realizzare anche un crematorio nutriamo serie perplessità ed invitiamo Palazzo di Città a fornire i dovuti chiarimenti».
Questa la posizione che i consiglieri comunali Savina Azzolino, Fabio Civale, Sofia Maimone, Stefano Pesce e Giuseppe Praino esprimono in ordine all’annunciata realizzata del nuovo camposanto, destinato a sorgere nel perimetro dell’azienda agricola un tempo di proprietà del boss defunto Giuseppe Cirillo. «Al riguardo, si va nella direzione di quanto da noi sempre auspicato», dicono i rappresentanti delle opposizioni consiliari, accendendo tuttavia i riflettori sulla ventilata realizzazione, all’interno della nuova struttura cimiteriale, un impianto crematorio. «Sul punto, anche per evitare l’insorgere di confusione – aggiungono Azzolino, Civale, Maimone, Pesce e Praino – sollecitiamo il sindaco e la sua giunta ad un intervento chiarificatore, per confermare o smentire l’ipotesi. Va da sé che qualora l’amministrazione comunale fosse effettivamente intenzionata a procedere in tal senso, sarebbe doveroso e necessario aprire quantomeno una fase di confronto e approfondimento sia in sede istituzionale sia con la comunità sibarita, dal momento che un’opera del genere avrebbe un forte impatto ambientale, ancor più rilevante in un’area a vocazione agricola, nel cuore di una zona anche di primaria rilevanza turistica».

Cassano Ionio, 30 Ottobre 2021

Savina Azzolino
Fabio Civale
Sofia Maimone
Stefano Pesce
Giuseppe Praino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *