28 Novembre 2021

SAN BASILE:PARTE IL PROGETTO CON I PIEDI PER TERRA 

Promosso dal Sai-Siproimi servirà per integrare meglio gli ospiti del progetto internazionale con il contesto che li accoglie 

Vera integrazione è conoscere per riconoscersi. Lo credono i responsabili del Sai-Siproimi di San Basile che nei giorni scorsi hanno fatto partire il progetto “con i piedi per terra” che coinvolge gli ospiti dell’accoglienza internazionale promossa dall’associazione don Vincenzo Matrangolo. 

Una esperienza di contatto e conoscenza del territorio per approfondire l’esplorazione del contesto culturale e spirituale che li ospita e promuovere un interscambio tra culture e religiosità senza escludere nessuno.

«La volontà – spiega Caterina Pugliese, responsabile del Sai Siproimi di San Basile – è quella di integrare a tutti i livelli ospiti internazionali del progetto e comunità ospitante. Approfondire questa reciproca esperienza di integrazione reale tra le cultura è per noi significativo perchè ciascuno dei presenti senta come proprio il territorio dove ha scelto di vivere per un periodo più o meno lungo». 

Nelle prime uscite le famiglie inserite nella rete internazionale di accoglienza hanno fatto tappa al Monastero Basiliano di San Basile, aperto di recente dopo il restauro a seguito dei danni riportati nel sisma del Pollino, e nella parrocchia di San Giovanni Battista per incontrare i sacerdoti del rito greco bizantino e scoprire i luoghi della spiritualità arbereshe.

«Una comunità è tale quando si riconosce attorno a momenti e luoghi simbolo del suo vivere collettivo – ha spiegato il sindaco Vincenzo Tamburi – e ci fa piacere che gli ospiti del progetto possano entrare a pieno contatto con i luoghi della spiritualità biazantina che hanno fatto la storia della nostra collettività. Essere aperti allo scambio culturale e alla conoscenza reciproca è da sempre stato il punto di forza del progetto di accoglienza che abbiamo scelto di sostenere ed accompagnare come amministrazione e siamo certi lo sarà anche in questa nuova ripartenza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *