SMS e WhatsApp: 348 3883963

kontattoproduction@virgilio.it

Titolo

KONTATTO NEWS

Arte inedita e Antichità ritrovata: al museo Civico di Cetraro la mostra politematica sui beni materiali e immateriali del medio Tirreno

C’è un vero e proprio lavoro filologico alla base di “Arte inedita e Antichità ritrovata”, mostra temporanea che la cooperativa C.A.S.T.E.R. inaugurerà al Museo Civico di Cetraro il prossimo sedici giugno.

Realizzato grazie al Progetto scientifico “I Beni Culturali di Cetraro e dintorni in mostra. Antologia inedita” promosso dal Dipartimento di Istruzione, Turismo e Beni Culturali della Regione Calabria nell’ambito dell’Avviso pubblico per la valorizzazione del sistema dei beni culturali calabresi, l’allestimento si snoderà in un percorso espositivo itinerante all’interno di Palazzo Del Trono.

“La mostra -ha affermato Luigi Orsino, curatore del progetto e presidente della cooperativa Caster che gestisce il museo dei Brettii e del Mare- beneficia anche del patrocinio del comune di Cetraro e della Soprintendenza ABAP per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone con la quale, tra l’altro, abbiamo attivato da poco un protocollo d’intesa volto proprio alla promozione e alla valorizzazione dei beni culturali nel nostro territorio. Grazie poi alla fattiva collaborazione con la Curia vescovile di San Marco Argentano e delle parrocchie di San Benedetto Abate e San Pietro Apostolo, oltre che del contributo scientifico di docenti ed esperti del settore, siamo riusciti a reperire con lavoro certosino i materiali che saranno cuore pulsante della mostra”.

Visitabile dal sedici giugno al trentuno agosto, l’esposizione è incentrata sulla conoscenza e valorizzazione del patrimonio storico-artistico e archeologico cetrarese “mobile” ed “immobile”, per lo più ancora inedito.

Cinque le Sezioni espositive allestite che animeranno un percorso tematico e cronologico che attraverserà l’archeologia; i beni d’arte; le carte, i disegni e i modelli; i marmi e le pietre ornamentali; i beni immobili.

“I contenuti della mostra -ha proseguito Orsino- saranno resi fruibili anche tramite l’applicazione “CASTERAPP”, appositamente creata dall’Azienda Next Informatica e scaricabile gratuitamente, attraverso la quale sarà possibile inoltre eseguire un “tour virtuale” dei luoghi cetraresi di particolare interesse”.

Ad arricchire, poi, l’offerta culturale che si inserisce anche nel programma delle Giornate Europee dell’Archeologia saranno una serie di seminari di approfondimento che vedranno alternarsi a Palazzo Del Trono ricercatori e professori universitari.

Oltre trecento beni tra cui dipinti, statue, disegni, arredi sacri, reperti e siti archeologici, monumenti e architetture di vario genere, saranno esposti al centro di un vero e proprio “unicum” espositivo che, 

ha concluso Luigi Orsino: “è ispirato dai principi di tutela e valorizzazione dei beni culturali nel loro contesto di origine e di conservazione. È dunque un evento che intende ricomporre nella sua interezza l’affascinante immagine del patrimonio storico, artistico ed archeologico di Cetraro, restituendola di fatto alla sua gente ed alla sua terra”.

Please follow and like us:
error
Kontatto radio

Lascia un commento

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial