22 Ottobre 2020

COMUNICATO STAMPA DISSESTO

Comunicato Stampa

L’avvocato che ha patrocinato il ricorso del comune di Castrovillari alla Corte dei Conti, sezioni riunite, avverso la bocciatura del piano di riequilibrio pluriennale, ha comunicato il dispositivo con il quale il ricorso è stato rigettato. Non si conoscono le motivazioni del rigetto, perché non depositate, ma tale aspetto non modifica la sostanza, costituita dal fatto che il consiglio comunale, quanto prima, dovrà prenderne atto e dichiarare il dissesto. La bocciatura del piano, approvato nel marzo del 2013, significa che le azioni che erano state previste per coprire i debiti ereditati dalle amministrazioni passate sono state ritenute inidonee a riportare nel termine dei dieci anni previsti, quindi entro il 2023, l’ente in situazione di equilibrio stabile. Con il dissesto, in pratica, si verifica una doppia contabilità: l’amministrazione comunale gestisce il bilancio attuale e quelli futuri; una terna di commissari nominata dal Ministero dell’Interno gestirà i rapporti con i creditori per le situazioni anteriori al 31/12/2018. Tale organismo di liquidazione provvederà, una volta per tutte, ad accertare l’origine dei debiti, le ragioni dei debiti stessi, il periodo di formazione e chi li ha prodotti. Finalmente si farà luce sulle responsabilità dei debiti che, per fortuna, non si presteranno più ad interpretazioni soggettive con il solito scaricabarile. Chi li ha prodotti verrà stanato e se ne assumerà le responsabilità personali e politiche. Perché un dato deve essere certo: nel 2012, con la delibera del 6 settembre 2012, di esame del bilancio consuntivo del comune di Castrovillari del 2010, di altre amministrazioni comunali diverse dalla nostra, era stato accertata la situazione di ente strutturalmente deficitario del comune di Castrovillari. I debiti sono stati fatti nel passato. Noi siamo certi di avere avviato un’opera di risanamento tangibile ancorchè ritenuta non sufficiente. Un dato però è significativo ed esemplificativo. Ci si riferisce alla situazione di cassa presso il tesoriere. La prima amministrazione Lo Polito si è insediata, nel primo mandato, poi intervallato con il secondo da tredici mesi di gestione commissariale, a fine maggio 2012. La situazione di cassa, a quella data, era spaventosamente in rosso con un meno 4,2 milioni di euro. Praticamente con zero capacità di spesa. Oggi, nello stesso periodo del 2019, con la medesima tempistica di entrata ed addirittura con trasferimenti inferiori, siamo a più 1,3 milioni, nonostante due giorni addietro abbiamo effettuato pagamenti per 800.000,00 euro ai nostri fornitori. Dall’inizio dell’anno non abbiamo mai fatto ricorso ad anticipazione di cassa. I sacrifici da noi fatti nella gestione inducono a rassicurare sul futuro dell’ente. Perché grazie a tutti questi anni di rigore, con i quali abbiamo amministrato come se avessimo un piano anche se non approvato, non si produrranno riduzione di servizi o aumento dei tributi.​Infatti, il piano non approvato, per ripianare la situazione debitoria, ha già portato all’adeguamento dei tributi che non aumenteranno né per acqua, né per rifiuti e nemmeno per IMU. Avevamo già portato alla riduzione drastica della spesa con diminuzione delle indennità per gli amministratori, eliminazione fitti passivi, gestione diretta di molti servizi e tutte le misure che ci ha riconosciuto il Ministero dell’Interno per affermare che il nostro comune “non è ente strutturalmente deficitario”. Non vi sarà situazione di esubero del personale comunale perché abbondantemente rispettoso, quello in servizio, dei parametri di legge che prevedono un dipendente ogni 93 abitanti. Sono stati pagati gran parte dei creditori dell’ente giacchè, per estinguere i debiti ereditati, sono stati fatti prestiti tra noi ed il commissario prefettizio per circa 20 milioni di euro. Non abbiamo fatto un solo mutuo in 7 anni ed abbiamo pagato rate annuali di oltre 800 mila euro per estinguere quelli precedenti. Resta il rammarico perché tutti gli sforzi fatti, tutti i sacrifici posti in essere, tutti i risparmi necessari a garantire una gestione in equilibrio dei conti non hanno meritato, secondo la Corte, il premio dell’approvazione. Una sola consolazione: per come sopra detto , la determinazione della massa debitoria che verrà fatta dall’organo di liquidazione renderà giustizia su chi ed in quale periodo ha generato debiti così rilevanti del comune di Castrovillari. E si uscirà finalmente fuori dagli equivoci generati ad arte. Noi garantiremo il medesimo impegno per assicurare gli obblighi presi, con la salvaguardia dei dipendenti, il mantenimento degli stessi servizi, specie nel settore dell’istruzione e del sociale, il mantenimento delle stesse tariffe ed entità dei tributi, il pagamento di tutti i creditori. Da qui l’invito a tutte le forze politiche responsabili a porre in essere azioni positive per favorire il bene della comunità sopra tutto e rendere nulli gli effetti di questa nuova situazione, continuando a garantire i medesimi standard di servizi per la città.

Il sindaco Domenico Lo Polito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *