25 Gennaio 2022

Mons. Savino celebra il Natale con tutta la comunità della Casa Circondariale: “vi affido tre parole: riscatto, liberazione e speranza”

Mons. Savino, accompagnato dal Direttore della Caritas diocesana, don Mario Marino, da alcuni operatori Caritas, dal Direttore dell’Ufficio diocesano di Pastorale Penitenziaria, don Francesco Faillace, ha celebrato il Natale con tutta la comunità della Casa Circondariale. Al suo arrivo, ha salutato la polizia penitenziaria, gli educatori e tutto il personale, incoraggiandoli, e subito dopo ha presieduto la celebrazione Eucaristica.
«Se dovessi scegliere un luogo dove far nascere Gesù Bambino sceglierei la Casa Circondariale»: è con questa affermazione che ha salutato affettuosamente tutte le detenute e i detenuti e tutti coloro che sono chiamati quotidianamente ad accompagnarli verso un nuovo futuro. Sappiamo bene, sottolinea mons. Savino, «che a Natale tutto si complica, tutto è difficile perché i sentimenti sono troppi e troppo emotivi. Voi siete qui e so quanto sia difficile questo periodo, so che vi mancheranno i vostri figli, le vostre mogli, i vostri mariti, i vostri genitori, i vostri parenti e amici. Penso a un grande regista e umorista, Woody Allen, il quale durante un’intervista disse: “Vorrei addormentarmi il giorno 24 dicembre e vorrei svegliarmi il 7 gennaio perché queste vacanze mi fanno male, perché a Natale si amplificano le emozioni”. Nonostante la “distanza” e i “distanziamenti” legati all’emergenza sanitaria, anche se in modalità diverse, mons. Savino ha sempre fatto visita alle sorelle e ai fratelli del Carcere perché non ha mai dimenticato nessuno di loro. Durante la sua Omelia, ha ricordato che «purtroppo in tutta Italia, ma in particolare nei nostri territori, l’emergenza sanitaria ha creato nuove povertà e ha aumentato quelle già esistenti. In aumento del 30-40% l’usura provocata dall’emergenza», uno dei reati in rialzo legato alle difficoltà economiche di molti imprenditori provocate proprio dalla pandemia. Bisogna assolutamente creare percorsi alternativi e strade di soccorso che possano aiutare chi è in difficoltà piuttosto che lasciarle nelle mani della mafia e degli usurai.

«Sono qui oggi – continua il Vescovo – per affidarvi tre parole chiave: RISCATTO. Dio si fa uomo per dire a voi, a noi che si può vivere meglio; Dio viene perché vuole camminare con noi. Il modo migliore per vivere bene la vita è “vivere da Dio”. Come direbbero i nostri amici arbëreshë “Dio si fa uomo per divinizzarci”. Voi siete qui perché dovete essere aiutati a capire il vostro errore e riscattarvi.
LIBERAZIONE. Dio si fa uomo per liberarci, per renderci la vita più bella. Forse voi quando avete sbagliato pensavate di “essere potenti”, di avere il potere … ma poi? La Libertà è come un coltello: può servire per preparare il cibo da portare a tavola o può essere molto pericoloso e fare male. La Libertà è equivoca e bisogna fare attenzione. Dio viene al mondo per dirci che è al nostro fianco e che possiamo liberarci scegliendo il bene e di fare il bene.
SPERANZA. Dio si fa uomo per portarci speranza. Per iniziare un nuovo capitolo della nostra vita. Adesso voi potete davvero scrivere un nuovo capitolo del vostro libro.»
A tal proposito, rivolgendosi alla Caritas diocesana e all’Ufficio di Pastorale Penitenziaria, incoraggia ad «avviare percorsi per educare le comunità ad essere capaci di accogliere le persone che, una volta scontata la pena, escono dal carcere. Dobbiamo educare a togliere i pregiudizi e ad eliminare la preposizione “ex” perché una volta ottenuto il riscattato voi siete persone, uomini e donne, e non ex-detenuti.» Forte il monito del Vescovo affinché «si avviino con la Direzione della Casa Circondariale anche percorsi e progetti di integrazione lavorativa per ridare dignità, per offrire ad ogni persona una nuova opportunità di vita.»
Con premuroso affetto infine ha aggiunto: «Per questo Natale abbiamo pensato di regalarvi una tuta. Un dono da parte del Vescovo, della Caritas, della diocesi tutta. Quando indosserete la tuta che vi stiamo regalando, sentitevi riscaldati, abbracciati e custoditi da noi e ricordate che non siete soli che vi aspettiamo rigenerati e riscattati. Auguri di buon Natale a voi tutti, ai vostri cari affinché questo Gesù Bambino possa aiutarvi a riconciliarvi con voi stessi e con i vostri cari».

Cassano All’Jonio, 16-12-2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *