19 Ottobre 2020

SICURI IN VIAGGIO. ECCO IL PROTOCOLLO VACANZE DI MEMO TOUR OPERATOR

La vacanza deve continuare ad essere un momento di relax e spensieratezza, soprattutto dopo un periodo di forte stress psicologico come quello vissuto nei mesi di lockdown. Memo Tour Operator si prepara ad accogliere i turisti nel Sud Covid free

Puntare sul turismo di prossimità con la scelta di protocolli di facile attuazione che siano garanzia di sicurezza sia per la clientela che per gli operatori e le comunità ospitanti. Piccoli gruppi, date di partenza stabilite, garantendo distanziamento anti contagio e attività all’aperto di scoperta del territorio (dalle bellezze naturalistiche a quelle storico culturali), sport a stretto contatto con la natura, esperienze di incontro e conoscenza con le realtà agroalimentari più significative del Sud. 

E’ la proposta del protocollo “Sicuri in viaggio” che animerà le vacanze ed i pacchetti turistici proposti da Memo Tour Operator con sede a Civita e che interesseranno tutte le regioni del Sud attraverso una fitta rete inter agenzia costruita in questi mesi di lockdown facendo tesoro dei contatti di scambio e alleanze operative maturate dopo la partecipazione alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano 2020. 

Gianluca Colaci, presidente del consorzio turistico Borghi Mediterranei, insieme al suo staff di collaboratori e Andrea D’Onofrio, amministratore unico di Memo, hanno lavorato insieme a Terra Nostra Calabria di Coldirettti, rappresentata da Adriana Tamburi, e Roberto Matragrano, presidente regionale di Confartigianato Calabria, per elaborare una proposta che potesse rilanciare il turismo in tutta sicurezza sia per chi arriva che per chi accoglie. 

Dall’arrivo in struttura alle uscite di trekking o mountain bike sul territorio, fino alla fruizione degli stabilimenti balneari delle coste e le attività in acqua lungo i corsi dei fiumi da attraversare a bordo dei gommoni o canoe, passando per la visita alle decine di aziende agricole e vitivinicole che apriranno le porte ai viaggiatori e gli enoturisti per un’estate che vuole avere il sapore della ripartenza e dello scambio esperienziale. «Il tutto vissuto in piena sicurezza rispettando le regole di distanziamento anti contagio ma garantendo la bellezza della scoperta e dell’incontro, regalando emozione e relax, accoglienza e gusto» spiega Colaci che in queste settimane ha illustrato in video conferenza la proposta del protocollo “Sicuro in viaggio” ad una ricca platea di amministratori, rappresentanti di istituzioni sovraterritoriali, operatori economici e turistici che nella rete di Memo saranno protagonisti per rendere operative le regole semplici per vivere un’estate in piena sicurezza. 

«Dal confronto serrato con gli operatori del settore, le agenzie turistiche che aderiscono al nostro progetto di racconto del meridione d’Italia, gli amministratori e i presidenti di alcuni parchi del Sud, avvenuto nei mesi della fase 1 dell’emergenza sanitaria abbiamo ipotizzato e studiato basandoci sulle disposizioni dei vari Dpcm come proporre una ripartenza al settore che ha sofferto di più lo stop forzato a causa del Coronavirus. Non dimenticando, però, che la vacanza doveva rimanere un momento di relax e svago, scoperta e incontro, nel rispetto delle regole che garantiscono sicurezza a tutti. Così abbiamo deciso di lavorare per limitare al massimo l’overtourism favorendo, quindi, quelle condizioni che ci permettano di lavorare su piccoli gruppi, valorizzando i borghi e la loro capacità di accoglienza nelle strutture a gestione familiare, puntando su una ripresa del turismo che punti più all’esperienza ed alla conoscenza del territorio seguendo un pacchetto ben definito che si muova entra percorsi ben strutturati e lasci poco all’improvvisazione del turista, garantendo dunque sicurezza e rispetto delle regole per tutte le strutture e gli operatori coinvolti». 

In questa ottica si sta lavorando anche per aprirsi al turismo straniero, agli italiani che vivono nei vari continenti, in particolare quello americano, con una rete di contatti e programmazioni che in questa prima fase hanno coinvolto l’Enit Usa attraverso l’interlocuzione con il vice presidente Francesco Brazzini, al quale è stato proposto un pacchetto di show tour (per altro già presentato al dipartimento turismo della Regione Calabria proprio alla Bit 2020) che vedrà protagonisti noti attori comici italiani quali Marco Marzocca, Stefano Sarcinelli e Leonardo Fiaschi i quali accompagneranno i turisti attraverso gli splendidi paesaggi, le specialità enogastronomiche, l’artigianato e l’agricoltura di qualità locale e identitaria, animando il viaggio come tour leader d’eccellenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *